NYMPHS - diario di bordo

DAY 8

Francesca - Rosignano Solvay (LV)

 

A mostra finita non ho ancora condiviso con voi tutti i diari di Bordo.
Ci tengo. Soprattutto perché è un'occasione per me, per rivivere quelle giornate con più razionalità e tempo.
La mostra, la prima, si è conclusa il 28.
E voglio ringraziare tutti un po' così.
Le Ninfe tornano presto, tranquilli.
Intanto spero vi divertiate a leggere questi... 


***

 

Il salto temporale è bello largo. Passiamo dall'estate a Febbraio, causa lavoro.
Inoltre si avvicinava il Photofestival e con indicazioni del futuro curatore, sarebbe stato meglio finire il progetto entro Marzo per poterlo proporre nel calendario del Photofestival.

Febbraio quindi è stato un mese difficile, sia per la quantità di shooting che per il clima.
Ma giuro, non poteva andare meglio!
Innanzitutto il kit da shooting cambia rispetto a quello estivo con Autan ed acqua e si compone con coperte, thermos e boule dell'acqua calda.
La prima ninfetta invernale è stata Francesca.
Una ballerina incredibilmente scultorea. Avevamo provato ad organizzare più di una volta senza riuscirci a causa di mille imprevisti. Ma quando le ho proposto di scattare in inverno ha accettato con grande entusiasmo!
Complice la gioventù ed una gran scorza di temerarietà, è riuscita in After ad affrontare la sveglia all'alba, 3h di viaggio (più ritorno) e uno shooting con 10°C ma percepiti 5° a causa del vento e della sabbia bagnta.
Mi spiego meglio.
Per il Bianco ed il Nero, avevo deciso di utilizzare location "coerenti" nel colore, in contrasto con l'idea del Non-Colore e con le altre immagini che invece avevano colori "Fittizzi".
Dunque, per avere un mondo bianco senza cadere nella banalità della Neve, abbiamo deciso di andare verso Rosignano Solvay, famosa per le sue spiagge bianche dovute ad una fabbrica di Solvay che rilascia i suoi romantici scarichi sulla costa. Meta molto gettonata da fotografi, vacanzieri squattrinati in cerca delle Maldive e Wind Surfer.
Sveglia alle 6, questa volta con Giada come autista/makeup Artist, Ale come assistente, Francesca e il suo ragazzo, Riccardo, fotografo che tra le altre cose ammiro molto.
Il meteo era pessimo, davano pioggia e diluvi in tutta la costa ligure-toscana. Questo stranamente non ha scoraggiato Francesca, anzi! Io invece facevo la danza del sole da 3 giorni.
Non potete capire il mio entusiasmo quando, una volta arrivati abbiamo trovato solo nuvoloni grigi e la spiaggia asciutta!
Una volta arrivati sulla location abbiamo trovato una ventina di Wind surfers. Immaginate il vento. Il freddo. L'umidità.
Giada ha realizzato il makeup in un ristorantino sulla spiaggia che ci ha accolte prima che arrivassero i commensali di un compleanno... Breve ed indolore ci siamo poi spostavi verso le famose Spiagge Bianche.
Dopo aver deciso il punto esatto, abbiamo scattato le prime immagini. é stato amore a prima vista. Francesca è Bravissima. Il mood lo ha inteso perfettamente e si muove con un eleganza unica.
Gli scatti duravano un minuto per alternarli con un paio di minuti di caldo e coperte. Una delle mie più grandi preoccupazioni è stato non fare ammalare Francesca anche se lei faceva di tutto per tranquillizzarmi.
Abbiamo fatto diversi scatti in varie location, e di alcuni scatti mi sono letteralmente innamorate.
La giornata è finita dopo un buon pranzo con prelibatezze locali, vino e buona compagnia che scalda corpo e cuore.
GRAZIE. Sicuramente da ripetere.

Da ricordare:

  • Il contrasto psicologico di vedere lei svestita in pose incredibili, al freddo, con la sabbia bagnata, e noi con giacconi, felpe, maglioni, cappelli e quant'altro.
  • Francesca: "Nooo, peccato che non ha piovuto... ci stava la foto epica!" - Noi: O_O
  • Pensare positivo, ripaga sempre.

Scrivi commento

Commenti: 0