NYMPHS - Diario di Bordo

DAY 9

Miriam Ondinae - Paganoni (SO)

La mostra è ormai finita da un bel po', e non ho ancora condiviso con voi tutti i diari di Bordo.
Ci tengo. Soprattutto perché è un'occasione per me, per rivivere quelle giornate con più razionalità e tempo.
La mostra, la prima, si è conclusa il 28.
E voglio ringraziare tutti un po' così.
Le Ninfe tornano presto, tranquilli.
Intanto spero vi divertiate a leggere questi... 


***


Dunque, lo shooting con Miriam è stato uno di quelli tosti tosti, sia da organizzare che da realizzare!
Con Miriam ci sentivamo già da un po', ma siamo riuscite ad organizzare solamente durante la sessione invernale, a Febbraio.
Lei è di Roma ed era salita a Milano appositamente per scattare assieme.
Il meteo in quei giorni era pessimo! ma consapevoli di questo, avevamo comunque deciso di non rimandare.
Ed ecco che si presenta l'incoveniente N°1.
Il giorno prima di partire, con tutto pronto e lo staff organizzato, Miriam si ammala! Non potete capire la disperazione!!
Non vedevo l'ora di scattare con lei e le viene l'influenza! In più, il Photofestival sarebbe stato due mesi dopo ed ero quindi agli sgoccioli per poter finire il progetto e iniziare ad organizzare la tanto agognata mostra.
La chiamai quindi disperata e preoccupata! Giustamente con quel tempaccio, non era il caso di posare nude in mezzo al gelo e con rischio Neve.
Le chiesi quindi se conosceva qualche ragazza con i suoi stessi colori che poteva essere disponibile (dovete sapere che una modella con i capelli come Miriam e con dei lineamenti così avevo fatto una fatica enorme a trovarla!).
Ci risentimmo poco dopo e mi disse che sarebbe venuta lei ma saremmo dovute essere velocissime e attentissime! AFFARE FATTO!
Con un mix di agitazione, apprensione e senso di colpa, decisi quindi di partire.
La mattina dopo, sveglia all'alba e pronti per partire, ci siamo diretti verso la location, dove Giada (MUA) e Lele (il suo ragazzo e padrone di casa) ci stavano aspettando.
Il buon Lele aveva fatto Location Scouting il giorno prima e siamo quindi riusciti a dirigerci verso il punto con più "Sempreverdi"... su un tornante!
SI!
Perchè la strada era bloccata dalla neve! SI!
Stava Nevicando!!!
SI! Faceva freddissimo!!
Considerando le condizioni di salute di Miriam, la neve, il freddo e il punto in cui stavamo scattando, ho deciso di scattare prima con i vestiti e una volta decisa posa e inquadratura avremmo scattato le definitive.
Miriam è stata coraggiosissima e bravissima! E sono stata davvero fortunata ad avere tante modelle gentili, coraggiose, disponibili e splendide!

Da ricordare:

  • aver portato accappatoio, coperte, thermos, boulle dell'acqua calda, the caldo, ecc... ha sicuramente migliorato la situazione.
  • le situazioni climatiche critiche portano a risultati incredibili.

 

Scrivi commento

Commenti: 0